La Torre dello Ziro

Sullo sperone di roccia che si protende verso il mare, tra Atrani ed Amalfi, si eleva la torre dello Ziro, con uno stretto camminamento, cinto da mura merlate, che la collega al punto estremo della spianata.
Le prime notizie su questa torre risalgono al 1151, quando viene ancora chiamata “Rocca di S. Felice”, mentre a partire dal 1292 diventa Turris cziri.
A questa struttura è legata una storia molto conosciuta tra la gente del luogo; si racconta che la torre fu utilizzata come luogo di prigionia per Giovanna d’Aragona. Questa, sposata giovanissima ad Alfonso Piccolomini duca di Amalfi, quando troppo presto (a circa venti anni) divenne vedova, intraprese una relazione amorosa con il suo amministratore (servo) Antonio Bologna, che in seguito sposò in segreto e da cui ebbe dei figli. Quando i due fratelli di lei, il cardinale Carlo e Federico, scoprirono la cosa, mostrarono il loro dissenso cercando di dividere i due amanti; questi fuggirono, ma, rintracciati, il Bologna fu ucciso e Giovanna fu ricondotta ad Amalfi dove sparì.


La storia, svoltasi nel 1500, è un fatto realmente accaduto, raccontato tra i tanti da Matteo Bandello nelle sue novelle, testimone oculare della vicenda perché era amico del Bologna; poi venne addirittura trasposta in forma di tragedia da John Webster, nel XVI secolo, che però conclude la vicenda con l’uccisione di Giovanna da parte di un sicario, il Bosola.
La tradizione locale racconta invece che Giovanna, ricondotta ad Amalfi, fu rinchiusa nella Torre dello Ziro e murata viva insieme ai figli, frutto dell’amore segreto; la riprova di questa conclusione sta, secondo la vox populi, nell’assenza di porte nella torre.

 thanks to cartotrekking elaborate and  more info

 

Partendo da Pontone (frazione di Scala) è raggiungibile, oltre che con mezzi privati, sia con autobus di linea Sita Amalfi - Ravello sia a piedi da Ravello (itinerario facile da seguire e ben tenuto).

Si procede ancora in discesa lungo una scalinata in vari punti coperta da archi e fiancheggiata dal vecchio acquedotto. Alla fine della discesa c'è la traversa (a sinistra) che conduce ad Atrani; noi proseguiamo diritto salendo pochi scalini e poi al bivio prendiamo a sinistra per un breve tratto in piano che ci condurrà alla base della scalinata di accesso all'area fortificata del "Castello" e Torre dello Ziro.

Dopo la Porta si salgono pochi altri scalini ed a sinistra c'è il primo belvedere: di fronte in alto si ammira Villa Cimbrone e ai nostri piedi c'è il vallone del torrente Dragone.

Cominciamo a scendere e dopo aver superato una non meglio identificata orripilante costruzione arriviamo in una piccola radura della pineta nella sella fra l'altura del Castello e quella della porta d'ingresso.

Ci sono vari sentieri all'interno di questa area protetta e l'itinerario per ottimizzare la visita è il seguente: dalla radura scendere subito a sinistra lungo il comodo sentiero fra i pini. Dopo qualche centinaio di metri troviamo un bivio e continuiamo a scendere a sinistra (ma al ritorno prenderemo l'altro sentiero in salita per andare al belvedere con la colonna). Si continua quindi a scendere - non ci sono altri bivi - fino alla Torre dello Ziro e di qui a sinistra al piccolo bastione merlato.

Parco Regionale dei Monti Lattari

 

Viale Ippocastani

Località Quisisana- Palazzo Reale

80053 Castellammare Di Stabia

tel. +39 081 930247
PEC: parcoregionaledeimontilattari@asmepec.it

 parco monti lattari

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 0.313 secondi
Powered by ASMENET